Belle mere en chaleur escort girl jura

belle mere en chaleur escort girl jura

Je suis venu comme elle le dé- sirait; Je t'ai débarrassé du monstre qui te fermait le cbamin le plus eourt sur la beUe coHine. Nova mnmes en ce lieu où ta verras. Elles sont confondues avec hi foule des mauvais anges qui, sans Mre ni Bdéles ni rebelles i Dieu, ne furaïC que pour eux. Chassés du riel ils en eussent terni la hcanté. Le monde n a pa? N'en parions plosi regarde stokmeot, et passons. Et sur les eaux je vis, venant à nou5.

Malheur h vous, âmes perverses! Par ici la traversée est loiiMeibla. H ftiitt pour ta porter umi barque qui flotta mieux. La porta d Inlt rno. GU tleeeL — VMntf coalrv Dio Ga- parif'o. Il Mcistro dflila Frodc.

Dciiioni p Ingaiinatori di fcmminc. Seminatori di discor- die. I TndilorL — H ilton do Virgile. BaAis de Canm à traverser denx vivants. Son apostrophe aux deux voyageurs in- connus. Per r uni verso pénétra, e risplende In una parte pià, e idcdo altrove. Nel de], che piû délia sua lace prende , Pu' io, e vidi cose, che ridire Nè sa, nè puô quai di lassù discende ; Perché appressando sè al suo disire, Nostro intelletto si profonda tanto, Che la memoria relro non pnô ire.

Veraroente quant'io del regno santo Nclla mia mente polei far tesoro, Sarà ora materia del min canto. Corne dimandi a dar l'amato alloro. Insîno a qui l'un sriogo di Pamaso Assai mi fu: La gloire de ce Dieu par qui tout sent, grandit, I Se meut, dans Tunivers pénètre, resplendit.

Nais d'une et d'autre part ou plus ou moins intense. Soit-il venu d'en haut, car notre intelligence 3 Montant à Dieu se perd si loin dans son essence. Que l'âme ne peut plus redescendre au passé.

Tout I or jue j'ai moi-même en moi-nifine amassé 4 Du royaume des cieux, de ses saintes merveilles. Deviendra le sujet de mes nouvelles veilles. Si corne quando Marsia traesti Délia vagiaa délie membre sue. Venir vcdrami al luo dilello legno, E coronarmi allor di quelle foglie , Chè la materia e tu mi farai degno.

Si rade volte, Padre, se ne ooglie, Per trionfere o Cesare o Poeta, Golpa e vergogna deir umane voglie , Che partorir lelizia in su la lieta Delfica Deità dovria la fronda Peneia, quando alcun di sè asseta. Poea fevilla gran fiamma seconda: Aquila si non irli s' aOisse unquanco.

Grand Dieui de tes regards animant mes travaux, 8 Si ta bonté permet à ton bomble poète Qae ton ciel, que je sais dans mes vers se reflète, A ton arbnsle aimé, je viendrai sons ies yeux,. Que le laurier ému des rives du Pénée 11 Joveux devrait frémir sur ta tète sacrée. Quand il nait un mortel que la soif en séduit.

Dans la faible étincelle un embrasement luit. Le soleil d'un tel point saisissant sa carrière, 15 Faisait naître le jour et mourir la lumière. De là tout était blanc, d'id tout brunissait, A gauche Béafrix sur son flanc s'appuyait i6 Je la vis, au soleil s'attachait sa paupière ; L'aigle le soutient moins du sommet de son aire. Tel qu'un second rayon du premier émané 17 Remonte vers celui d'où son éclat est né, Semblable au pèlerin rebroussant son voyage; PARADISO Cosi deir atto suo , per gB oechi infuso Neir immagine mia, il mio si feoe, E lîijsi gli occhi al sole oltre a nostr'uso.

Molto è licilo là, clie qui imu lece Aile nosUre virtû, mercè del loco Falto per proprio deli' unana spece. E di subito parve giorno a giorno Essere aggiunto, corne Qaei che piiole, Avease 1 Ciel d' an altro sole adoroo. Béatrice tatta nell'eteme roote Fissa con gli occhi stava , ed io in lei Le luci tisse , di lassù remole.

Nel suo aspetto tal dentro mi fei , Quai si fe' Giauco nel gustar deli'eriMi, Che 1 fe' oonsorto in mar degli aitri Dei. Trasumanar significar per vméa.

S'io era sol di me quel cbe creasii Novellamente , Amor che '1 Ciel govemi. Tu '1 sai, che col tuo lume mi levasti. Quando la ruola , clic lu seinpiterni Desiderato, a sè mi fece atleso Con y armonia cbe temperi e discerni , Parvemi tanto allor del Cielo acoeso Mla fiamma del Sol, che pioggia o fiume Lago non fece mai tanto disteso. La novità dol suoiio, c 1 grande lume Di lor cagion m accesero un disio Mai non sentito di cotanto acome.

Telle son attitude en noi s'ouvre un passage, 18 Pénètre par mes sens, et mes sens raftrmis Soutinrent le soleil plus qu'il ne Test permis. Du possible là-haut, rien ici n'est licite 19 A nous faibles mortels, car ce céleste site Devait être aux humains un séjour exclusif. Eut d'un seoond soleil décoré Tempyrée. Sur les globes errants Béatriz concentrée, 22 Y finît ses regarda, moi, sur eUe, les miens. Les rappelant d'en haut pour lire par les siens. A son aspect, en moi, je devins identique 23 A GlasMS quand il but de cette herbe magique Qui vous en fit un Dieu semblable aux Dieux des tlots.

ÉtaiS'je tel alors que quand j'éUûs récent? Tel qu'un plus vif jamais ne stimula mon être. Ad tfcquetanni raniroo oonunosso, Pria ch'io'a dimandar, la bocca aprio: Tu stesso ti lai grosso Col faiso immaginar, si che non vedi Cî6 che vedresli , se l' avessi scosso.

Tu non se' in lerra, si corne tu credi: Ma folgore, fuggendo 1 proprio silo. Non corse corne tu , eh' ad esso riedi. S' i' fui del primo dubbio disvestito , Per le sorrise parolette brevi, Deotro ad un nuovo più fui irrelàto; E dissi: Ond' ella , appresso d' uno pio sospiro , Gli occbi drizzo ver me con quel sembianle, Che madré fa sopra figUool deliro: Qui veggion l'alte créature l'orma Dell' etemo valore , il quale è fine Al quale è folta la toccata noima.

Neir ordine, ch' io dico, sono acdine Tuttè nature per diverse sorti, Più al phncipio loro, e men vicioe: Onde si muovono a diwsi porti Per lo gran mar déir essere , e oiaseuna Con istinto a lei dato che la porti. Questi ne porta il fuoco inver la luna; Questi ne' cuor mortali è promotore ; Questi la terra in sè stringe ed aduna. Je me vis entravé dans de nouvelles routes. Ma quelle, c' hanno intelletto d'amore. La providenzia , che cotanto asselta. Kd ora li , corn' a sito decrelo , 42 Cen porta la virtù di quella corda, Che ciô che scocca drirza in segno lieto.

Ver'è che corne forma non s'accorda 4S Molle tiatc alla ntcnzion dell' arte , Perch' a risponder la materia è sorda ; Cosi da questo corso si diparte 44 Talor la creatura.

Se d'alto monte scende giuso ad imo. Maraviglia sarcbhe in te, se privo , 47 D' impedimento giii ti fossi assiso. Non vi mettete in pelago, chè fone Perdendo me, rinunreste smarriti. L' acqua , ch' io prendo, giammai non si corse Minorva spira, e conducemi Apollo , E nove Musc ini dimoslran 1 Orse. Que' gloriosi, che pcssaro a Golco, Non s'ammirtron, oome voi farete, Quando vider Giason fatto Infolco.

Beabrioe in saso, ed io in lei guardava: K Torse in an o, in quanto un quadrcl posa K vola. Votta ver me si lieta, corne bella: Drizza la meiito iii Dio trrata, iiii disse.

Che n' ha conîïiunli con la prima Stella. Pareva a me, che nube ne coprissc Lucida, spessa, solida e pulita, Quasi adamante che lo Sol ferisse. Per entro sè l'etema margherita Ne ricevelte. Tenez la haute mer, oabliez l'aquilon; 5 Mais que votre navire y glisse en mon sillon.

Devant l'onde qui s'ouvre et refait sa surface. La soif de voir un monde où Dieu mit son image, 7 Soif sans fin , noas hâtait en ce divin voyage. Bapides, tel le ciel visible à nos esprils. Bcalrix dans les cieux lisiiit. Soudain je me surprends investi dans des eieu. Puis celle qui savait mou angoisse mortelle Vers moi se tourne, et dit, riante autant que belle: Tel frappé du soleil luirait un diamant. Le joyau nous reçut dans son vieil élément, ï"!

Comme en l'onde se glisse un rayon de lumière Sans divî. U si vedrà ciô che tenero per fede, 15 Non dimostrato, ma fia per sè noto. A guisa del wr ] rirno lie 1" nom crcde. Kl la sorrise aiquanlo; e poi: S'egli erra 18 t' opinion, mi disse, de' mortali , Dove chiave di senso non disserra. Terlo non ti dovrien pungcr li strali 19 D' ammirazione ornai: Ma dimmi quel, che tu da le ne pensi.

Qà ohe n'appar quassn dîverso. Credo che 1 fanno i corpi rari e densi. Ccrlo assai vedrai sommerso! La spera ottava vi dimostra molli 32 liUmi, li quali e nel quale, e nel quanto Nofar si posson di diversi volli. So raro o dciiso rin ra '. Effet des corps si l un en l aulre s insinue ; L'ardeur devrait en nous lurùler plus continue 14 D'admirer oeUo essence en sa oomplexion , Du mortel et du Dieu sublime fusion.

En elle, on y lira de la foi le symbole t5 Non d ''iiiontrt', niais cru, mais tenu sur pamle, Ainsi qu on croit au vrai du principe iireniier. Si tel effet naissait ou du rare, ou du dense 23 Ils n'exerceraient tous qu'une même influence. Plus ou moins répartie et graduellement.

Questo non è ; per6 è da vedere 98 Dell" altro: S'cgii è che questo raro non trapassi, 99 Esser eonviene un termine, da onde Lo suo contrario più passar non lassi: Or dirai tu, eh'ei si dimostra tetro 31 Quiyi lo raggio, più che în altre parti , Per esser W rifratto piû a rétro. Tre specchi prenderai, e due rimuovi 33 Du te d'un modo, e T altro piû rimosso Tr Minbo li prifiii gli otrbi luoi ritruovi: E lorni a le da tulli ripcroosso: Ce premier tas admis que dirait levideace, 27 Quand le soleil s'éclipse?

Or ce n'est pas: Si donc la lune n'est diaphanéitc 29 De part en part , il faut qu'alors la densité. Partant d'un point donné, se montre, et vous arrête Tout rayon dn dehors qui sur soi se reflète: Effet du plomb caché sous le plan opposé.

Par cela , seul qu'il est réfléchi de plus bas. Prends trois miroirs ; que deux à quelques pas de toi 33 S'élèvent espacés ; puis , dans ce même emploi , Que le troisième entre eux, mais plus loin, ait sa place. Fais que derrière toi, quand tu les liens en face. Or ooroe a' coipi degli caldi rai Délia neve riman nudo 1 sugtçetlo, K dai colore e dal Ireddo primai, Cosi rimaso le oeil inlelletto Voglio informar di luoe si vivace, Che ti tremolerà nel suo aspetto.

Gli altri giron per varie diiïercnze , Le distÎDzion chc dentro da sè hanoo, IHspongono a leur fine, e lor semenie. Qucsli organi del mondo coA vanao , Corne tu vedi ornai, di grade in grade, Che di su prendono. Kiguarda bene a me ai cume io vado Per qaeslo loco al ver, che tu disiri, S che poi sappi sol tener lo goado. Lo môto e la virtû de' sanli giri , Corne dal fabbro Tarte del martello, Da' beati nriotor eonvicn cbo spiri.

K 1 Ciel, cui lauti lunii lunno beilo, Dalla mente profonda che lui volve, Prende V image, e fassene suggello. Tel, épuré, je vais à ton entendement 37 Montrer une lueur lumineuse, mais tant. Dans le centre du ciel de la paix éternelle 38 Tourne un eorps enserrant en sa propre vertu L'essence de tout être en son sein contenu ; Le ciel suivant peuplé de splendeurs infinies 39 Kpariiille cet être en des iiiiiliers de vies ; tires de lui distincts en lui se résumant ; Les autres cercles mus et tout diversement 40 Choisissent à leur gré la fin ou la naissance Des multiples objets dont en eux est Tessence.

Attention à moi I Vois bien, et considère 42 Par où je tends an vrai le but de tes souhaits ; Et puis tu passeras seul le gué désormais. Des tourbillons sacrés la puissance motrice, 4îi Telle hors du marteau la force productrice. Sent respirer en soi les célestes moteurs. Et ce ciel , dont des feux si grands font les splendeurs, 44 De rètre intelligent, qui lui sert de principe. En prend la ressemblance, en reproduit le type.

El telle I ame. H Dilate ses ressorts en des membres tissus. Chacun pour accomplir sa fonction vitale: Vii lù divt'isa la diversa leca 47 i. Nel quai, si çoma vita in voi, si lega.

Per la natura liela, onde dériva, 48 Ka virtû mista per lo oorpo luce. Essa è formai principio, che produce, Conforme a sua bonti, lo torbo e 1 cbiaro. Ed io per confessar corretto e certo 9 Me slesso, tanto, quanto a convenne. Levai lo capo a proffisrer più erto.

Ma visïoîic apparve, che ritciine 3 A sè me fanlo strello. Quali per vetri trasparenti e tersi, 4 Ower per acque oîUde e tranquille. Diflcrentcs vertus, ditiêreiumcot s'intiniciil. Les lient, telle en vous l'âme votre eiment. El, comme leur principe est tout contentement, 48 Cette mixte vertu dans leurs corps étincelle. Comme brille la joie en l'ardente prunelle. C'est d'elle que les feux ont leur diversité , 49 Et non du plus, du moins, du peu de densité: Vrai principe formel, c'est la cause première Qui fait sur sa bonté la nuit et la lumière.

Et moi pour conslaler que docile parjure 3 Je m'amende et je crois; et sincère et profond, Plus hardi jKmr parler je lève en haut mon front; Mais une vision née à mes yeux m'attire, 3 A soi m'attache intime et veut que je l'admire. Me faisant oublier mon aveu d'un moment. Tel dans un cristal pur, lucide diamant, 4 Ou même au sein d'un flot limpide, uni, paisible. Mais profond et si eu pie le fond soit visible, Les contours de nos traits revivent à nos sens 5 Si faibles, que la perle en des fronts palissants Se révèle moins prompte à nos vives pranelles: Non li rnaravigliar perch' io sorrida.

Ma te rivolve, corne suole, a voto: PtTo parla con esse, ed odi e mdi. Il Che la verace iuoe che le appaga, Da sè non lascia lor toroer li piedi. Ed io air ombra, die parea più vaga I2 Di ragionar.

Quasi coin uoni cui Iroppa vogha smaga: La nostra carità non serra porte 15 A giosta voglia, se non corne quella, Che vuoi simile a se tutta sua corte. Io fui nel niondo verpine sorella: IG E se la mente tua hen bi riguarda. Non mi li ceierà l' esser più belhi. Qui dans sa sainte orbite en riant étincelle.

Je vise alors l'esprit qui semblait désirer 19 De discourir, je vais à sa sollicitude Et tel un homme ému par trop de promptitude: Li nostri affelli, clic solo intiainiiiali Son nel placer dello Spirito Saiilu, Letisian del suo ordine forniati: E quesla sorte, che par giù cotanto. Ond' io a Ici: Ne' rnirabili aspclfi Yoslri risplendfi non so che diviuo, Che vï trasmata da' primi concetti: Perô non fiii a rimembrar festino ; Ife or m' afota ci6 che tu mi dici ; Si clic I rallipurar m' c piû latino.

Vol che sicle qui fehci, Desiderate voi più alto loco, Fer piû vedere, o per più hrri amicî? Ch artlcr ] arca d" amor ne! Se dîsiassimo esscr più supcrnc. Fitiaii liiscordi gli nostri disiri Dal voler di Colui, che qui oe cerne; Che vedrai non capere in questi giri, S' esaere m caritate è qui necesse, E se la sua natura ben rimiri ; Anzi è lormalc ad esto bealo esse Tcnersi dcnlro alla divina voglia , Perch' una fansi nostre voglio stesse.

Et je lui répondis: Corn' allô Re, ch' a suo voler ne 'nvoglia: Dal mondo, per seguirla, giovinella 35 Fuggimmi, e nel su' abito mi chiusi, E proHMsi la via deUt sua aelta. Uomini poi a mal, più ch' a bene, usi 36 Fuor roi mpiron délia dolce chiostra: Dio lo si sa quai poi n ia vîta fusi.

E jucst' altro splendor, che ti si moslra 37 Dalla mia destra. Ci6, ch' io dico di me, di sè inlende: Sorelhi fu, e cosi le fu olla hi capo l'ombra dellc sacre l ende. Non fu dal vel del cor giammai disciolta. Si si starebbe un agno intra dao brame Di fieri lupi, igualmente lemendo: SI si starebbe un caoe iolra duo dame. Pèr che s' io mi laoea, me noD riprendo, Dalli miei dubbi d' un modo sospinto, Poieh' era necessario, né eommendo.

Telle à travers l'eau terue uiie pesante loasse. Revole vers le but de son désir ardent. Se concentre on entier sur Béatrix eiilièrc: Telle qu'au prime abord j'en redoutai l'éclair. Ei ceci me rendit plus timide à parler.

Entre deux mets égaux en dislance, en attraits, I Tel libre expirerait de la faim homicide Avant de Uiordre à l'un du 1 autre de ces mets. De même, entre deux loups, l'agneau faible et timide 'À Redouterait et l'un et l'autre également; Et tel entre deux daims serait un chien avide.

Me taire ne pouvait m'inculper nullement, 3 Deux doutes me tenant en un double esclavage. Ni ne peut me louer si c'était forcément. J'étais silencieux , mais mon parlant visage 4 Exprimait mes désirs, mon vouloir actuel. Plus chaudement encor qu'un clair et vif langage.

Se 1 buon voler dura, 7 Lu violon za ail ru i por quai rajfione l i meritaniii sienia la rnisura? Secondo la sentenza di Platone. Queste son le quislion, che nel tiio velle 9 Ponlano igualementc: De' Serafin colui, che pià s' india, f 0 lioisè, Samuello, e quel Giovanni, Quai prender vogli, io dîco, non Maria,.

Non hanno in altro Cielo i loro scanni. Il Clie quelli spirli, che mo' t'appariro, Nè hanno ail' esser lor più o meno anni ; Ma tutti fimno belle il primo giro, IS E difibrentemente ban dolce vita , Per sentir più o mon 1' eterno spiro.

Qui si moslraron, non perché sortita 13 Sia questa spera lor, ma per lar segno Délia celestial, ch' ban men salita. Cos parbir conviensi al vostro ingegno, 14 Perocchè solo da sensato apprende Ciô. Digitized by Google cmut nr! Quand du roi d'Assyrie il calma le délire Qui le fit sans raison injustement cruel, Et me dit: Qiicsto priucipio maie inleso torse 21 Già tuCto 1 momlo quasi, si ehe Giove. Merciirio e Marte a nomiiiar rascorsc. Mu perché puote voslro accorgimeuto 24 Ben penetrare a questa veritate , Corne disiri, ti farô contenlo.

Se violenza è quando quel, che pie, 2a Nienle coiilcrisce a juel. Non fur quesl aime per essa scusale: Perché s'ella si piega assai o poco, 37 Segtie la forza ; e cosî queste fero , l'olcndo rilornare al saiito loco.

Ma cosi salda vofflia ô troppo rada. Moite fiate già, frate,. Corne 'Almeone, clic di ciè pregato 35 Dai padre suo, la propria madrc speose, Per non perder pietà si fe' spietato.

Vogita assoluta non consente al dainio 37 Ma consentevi in tanto, in quanlo terne. Se si ritrae, cadere in piû afbnno. Culyl fu r ondeggiar dcl santo rio , 11' usci del Fonte, oudOirni ver dériva; Tal pose in paoe une ed altro disio.

Io veggio ben, cbe giammai non si saxia Nostro 'ntelletlo, se 1 Ver non Io illustra, Di fuor dal quai nessun vero si spuzia. Se non, ciascun disio sarebbe firutHu, Nasce per quello a gnisa di rampollo Appiè de! Questo m' invita, questo m' assicura Con riverenia.

Donna, a dimandarvi D'un'altra verità, cbe m'é oscora. Io vo' saper , se l' uom piiô satisfarvi A' voli manchi si cun altri beni , Ch' alla vostra stadera non sien parvi. Béatrice mi gôardè con gli occbi pieni Di fimlle d' amor, con si divini , Cho. Si clie degli occlii tuoi viiico '1 valore, Non li maravigliar ; che ciô procède 3 Da perfetlo veder, che corne apprendev Cos nel bene apprcso miiove '1 piede.

Tu vaoi saper se con allro serviirio 5 Per manco voto si puô render lantu, Che i' anima siciiri di litigio: SI cominciù Béatrice questo canto ; 6 E si corn' nom, che suo parlar non spesia, Continuô cosi '1 processo sanlo. Lo maggior don, che Dio per sua larghezza 7 Fesse creando, ed alla sua bonlade Più Gonformato, e quel ch'ei piu apprécia, Fu delhi volontà la Ubertale, 8 Di che le creatare infelligenti E tulle c sole furo, c son dotale.

Or li parrù, se tu quinci argomenli , 9 L' alto vaior del voto, s' è si fatto, 'Che IMo consenta, quando tu consenti: Du plaidoyer sacré continua le coiirs. Digitized by Google 1 0 l'AllAUl. Di mal olletto vuoi far buon lavoro. Due cose si convengono airesseuia m F i questo sacrificio: Perô necessifato fa agiî Ebrei 17 Pur r otrerere, ancor die alcuna oiïerta Si permutasse, come saper dei.

L'altra, che per materia l'è aperta, 18 Pilote hene esser tal, che non si falla , Se con altra materta si converta.

Ed ogni permutania credi stolla. Siate, Cristiani, a muovervi più gravi r 2S Non. Queslo vi bastt a vostro salvamento. Se inala cupidigia altro vi grida, 27 l'omiui siate. Si ebe '1 Giadeo tra voi di voi non Non fate come agnel, che laacia il latte Délia sua madré, e semplioe e laacîvo Seco medesmo a suo piaccr combatte. Lo sue tacere, e '1 tramatar aembiante 30 Poser silenzio al mio capido ingegno, Che già nuove quistioni avea davante: E si come saetta, che nel segno 31 Percuote pria die sia la corda quêta, Goal Gorremmo oel seconde regno.

Qutvî la Donna mia vid' io si tiela, 32 Come nel liunc di quel Ciel si misr. Où la sphère brillait lueur plus vive éclose. Qui déjà haletait une autre vérité.

Et telle qu'une flèche au but frappe sifflante, 31 Quand la corde de l'arc résonne encor tremblante. Rapides nous montons dans le deuxième ciel. Là ma Donna vêtit un rayonnement tel , 32 Qu'en pénétrant au sein de la brûlante sphère, La planète en brilla d'un surcroit de lumière. Ecco du crescerà li nostri amori ; E si corne ciascuno a noi venia, ÎJ i Vedeasi l'ombra piena di lelizia Nel folgor chiaro, cbe di lei usda.

Pensa, Leitor, se quel, che qui s'initia, 37 Non procedesse. CosI da un di'quelli spirti pil 41 Dctio mi fu. Di' di' Sicurauiculc, c credi corne a Dii. Io veggio' ben, si come Ui t'anoidi 43 Nel proprio lume , e che daglt occbi il traggi, Perdi'ei corrusca, si come tu ridi: Cbe si A-ela ai morlai con gli alirui raggi.

U Vers un fiétu lancé le poisson confiant Court en foule à l'appât qu'il croil un mets friand. Flots de feux émanés du centre de chaque aire. Cesâre fuî, e son Oiustîniano, 4 Che, per voler del primo Amor ch' io senlo, D' entre aile leggi Irassi il troppo e '1 vaoo: E prima ch' io ail' opra fossi atiento, 5 Una nalura in Crislo esser, non piue Credeva, e di tal fede era conlenlo. Et la vis renforcer, renforcer sa lumière.

Ce que le chant suivant chante en son étendue. SO In gU credeiti: Clic scgno fu, ch' io dovessi posarmi. K l'hi 'I s' appropria, c clii a lui s' upjMjue. V cdi quanta virtù l' ha fatto degno Di riverenza, e oomindô dall' ora, Cfae Pallanle morl per dargli regau. Tu sai, ch' e' fece in Alba sna dimora Pcr treccnC amii l'd olirc. Sai quel, che fe' dal mal délie Sabine Al dolor di Luerezia iii sette Régi, Vineendo intomo le geoti vieine. IPo, di che lu labi. Ed ogni valle, onde 1 Rodano è pieno.

Quel che fe' poi. Dr quel, che fe' col baiulo aegueiile, 95 Bruto coii Cassio neirinfemo lalra, E Modona c Perugia fu dolente. Piangene ancor la trisla Cleopatra, 26 Che, fuggeudoU innanzi, dal colubro La morte preae aubitaaa ed alra. Con oostoi corse innuo al lido rubro: Ma ciù, che 1 segoo, clie parlar nii face, 28 Fatto avea prima, e poi era falturo Per lo regno mortal.

Que de succès du Var au Tibre des iierinains! Ses bataillooa ont vu l'ibérique presqu'île. Or qui t' ammira in ciô, cfa' io ti repUoo: Poscia con Tito a far vendetta eorse Délia vendelta del pcccalo anlico. Ë quando 1 dente Longobardo morse La sania Chiesa, sotlo aile sue ali Carlo Magno vinoendo la soccorse. E non r abbaCta esto Carlo novello Co' Guelfi suoi, ma tema degli artigli, fh'a piû alto leon Irasser io vello.

Questa picdola Stella si corroda De' bnoni spirti, che son sfflti attivî. Perché onoro c faina gli succéda: L'un heurte de ses lys l'aigle, public emblème; 34 c Cet autre en foit son bien, dira4-on aisément. Quifici addolcisce la viva giusliziu 41 In noi r aiïetto si, cbc non si puotc Torcer giammai ad alcuna nequiiia. Diverse voci fanno dolci noie: E dentro alla présente margherita 43 Lucc la luoe di Romeo, di cui Fu V opra grande e beUa mal gradili.

Ha i Provenzali, die fer contra hii, 44 Non hanno Hso: E poi il mosser le parole biece 46 A dimandar ragione a questo giuslo, Che gli assegnô selle c cinque per diece.

Indi pariissi povero e velusto: Diversité de voix fait douce mélodie: On Taime, et cent fois plus encore on raimerait. Hosanna, Dieu très saint. Sopra la quai doppio lume s'addoa: Ed essa Tallre mossero a sua danza. Secondo mio infallibilc avviso, 7 Corne giusta vendetta giustamentc Piinita fosse, t'hai in pensier miso; Ma io ti solverô tosto la meute ; 8 E tu ascolta, che le mie parole Di gran sentenzia li faran présente, Per non sofTrire alla virlû.

Fin ch ai Verho di Dio di scender piacquc t' la nalura, che dal suo Faltore f1 S'era allnngata, unio a sè in persona Con l'atto sol del suo etemo Amore.. Or drizza il viso a quel che ai ragiona: Que vêt un double éclat qui doublement inonde. Kl ce monde, ef fos feux nnilenl harmonieux. D'un prompt éloignement se voilent à mes yeux. Faisait eourber mon front comme à qui veut dormir. Qui dans l'enfer eut fait le bonheur du supplice: La pena dunque, che la Crooe porse.

S'alla natura assanta si misora, Ntilla izKimmai si giustaniente morse: K cosi nulla Tu di tanla ingiuria. Non ti dee oramai parer pià forte, Quando si dice, che giusta vendetta Poscia vengiata fu da giusta Corle. Ma io veggi' or la tua mente ristreUa Di pensiero in pcnsior dentro ad un nodo Del quai cori gran disio solver s' aspeita. Ben discerne ciô, ch'io odo: Ma perché Dio volesse, m' è ooeulto, A nosfra redenzien pur questo modo.

Veramente, per6 ch'a questo segno Mollo si mira, e poco si discerne, Dirô perché tal modo fu più degno. La Divina Bonlà, clie da sè sperne Ogni iivore, ardendo in se sfavilla. Ciô, che da lei senzA mezzo distilla, Non ha poi fine.

SoiJ d'un côté la croix où pendit la victime, 14 De l'autre l'adoplif vêtu d'h umanité ; Pèse: En elle confondant homme et divinilc. Un seul fait a produit donc double conséquence. Trouva pour la venger cour, vengeur, l'quité. Ce que j'entends, dis-tu, le saisir, je le peux; 1 U Mais du vouloir divin qui m ouvrira la trame? Qui, de ce choix, rançon de l'homme malheureux? Mon frère, ce décret est ténèbres pour l'âme 90 En qui l'amour divin fut sans fécondité. Ou qui ne grandit point s'échauffanl à sa llamme.

Mais, comme en ce mystère on hésite, arrêté, î21 On y pénètre peu, si bien qu'on l étudie, Vois pourquoi ce moyen eut plus de dignité. La divine bonté, qui honnit toute envie. Tout objet, de ses mains tombant inuiiédiat , i3 Vit dans l'éternité, car l'empreinte apposée. Sceau de sa main v reste indélébile, intact. Di lulle queste cose s' awantaggia L' uroana creataira, s' ona manca, Di sua rioi ilità coiivioii clio caggin.

Percliè del lume suo poco s'imbiaoca: Ed in sua dignité mai non riviene , 28 Se non riempie. Corne di Paradiso, fu remota: Né ricovrar poteasi, se tu liadi 3 t BtMi sottilmenle. Ficca ri o l'occhio per entro l'abissr Deirc erin coiisiglio, [uanlo piioi Al mio parlar distrellaineiile iisso.

Non potea V uomo ne' terniini suoi Mai salisfar per non pofere ir giuso Con umiîtafe, obbediendo poi, Quniilo tli. E quesla è la ragion, per clio 1 uoni tue Dq poler salisfar per sô dischiusn. Quand l'homme tout entier, volontaire pécheur.

L'homme, en ses focultés étroites Irniité. Dico con l'ona, o ver con ambedne. Nè Ira l'ulliina nulle, c '1 primo die 38 Si alto, e si magnifico processo 0 per r uno, o per l' altro fue, o iie: Che piû largo fu Dio a dar sè stesso, 39 In far Tuoni sufficiente a rilevarsi, rho s'oirli avesse sol da sè diiiiesso.

K liilfi trli nllri niodi erano scarsi 40 Alla giiislizia, se 1 Figliuol di Dio Non fosse umilialo ad incamarsi. Or per ernpierti bene ogni disio, 4 Kiloriio a dichiararo in alctin loco, Perché lu xeuiri! E queste cose pur fîir créature ; 43 IVr elle se eio. Si come sono in'loro essere intero; Ma uli eleiueiili.

La Divine Bonté dont le monde a le sceau, â7 t Mit en jeu ses ressorts, et, pour se salislairt'. De l'aurore du monde à sa nuit la dernière.

Mais tous ces éléments, que tu m as dénombrés, 4. Creata fu la materia, cb'egli. L aaima d ogtii brulo. K quiijci puoi argomenlare ancora 4U Yostra resurrezion, se tu ripensi Corne l'umana caroe fessi allora, rite lî primi parenti intrambo fênsi. Solea Teder lo monde m suo periclo. I fbo la lielia C. H dicean, ch' ci sedelle in grembo a Dido: E da eostei, ond'io priocipio piglio.

Au péril de ses jours ionglemps a eru la terre I Que Cypris de l'amour infusait la fureur. Du sein de l'Épycicle où circule sa sphère. Car les humains vieillis dans leur antique erreur, 3 Accompagnant de dons leur prière obstinée, lU'iidaienl non-seulement à son nom tout iiouneur.

Mais révéraient encor sa mère en Uioiiée, H Cupidon en son fils, qui rusé, se nichant En Didon, vous la tint, disaient-ils, dominée. Do mon ascension au foyer de son aire. H Rien en mot , mais mon guide à sa foi m'a séduite U voyant à mes yeux plus riante se faire.

E dietro a quei, die più innanii appariro, io Sonava Osanna, che unque poi Di riudir non fui senza disfro. Indi si fece 1' un più presso a noi, f E solo incominciô: Tutti sem presti Al tuo piacer, perché di noi ti gioi.

Noi ci volgiam co' Principi oelesU 19 D'un giro, d'un girare, e d'ona aele, A' ual] lu lu'l mondo già dicesli: Di', chi aiele, fue La voce mia di grande affetto impressa: Selon leur profondeur dans la vue étemelle.. Non, d'un nuage froid les vents tempétueux 8 Ou visibles, ou non n'accourent frénétiques. Qu'ils frapparaissciit lents, attardés auprès d'eu. Et derrière ces feux plus proche vision, 10 Tonnait un Hnsanna dont jamais efi ma vie Ne cessa le regret de la privation.

Ensuite l'un d'entre eu. Je la vis renforcer sa beauté, sa jrrandeur. Quand ma voix s'adressait à sa vive splendeur. Assai m'amasti, ed avesti ben onde: Clio s' 10 fossi giû stato, io ti mostrava Di mro amor più oltre, che le froode.

I Digitized by Google! Che non curasse di meltere in arca: Corne uscir puô di dolce seme amaro. Questo io a lui ; ed egli a me: S' io posso 39 Mostrarti un vero, a qnel che tu dnnandi Terrai Io viso, corne lîeni 'l dosso. E non pur le nature prowedute 34 Son nella mente, ch'è da se perfetta. Ma so esse insienie con la lor salule. I Car quel que soit l'objet que cet arc au loin lance, 35 t 11 tombe forcément au but indicateur: Or di', sarcbbe il peggio Ver Tuoino in terra , se non fosse cive f Si, rispos' io ; e qui ragion non cheggio: S vcnne dcduceodo insino a quici.

Dunque esser diverse Convien de' vostri efletti le radiei. La circtdar Natura, ch' è suggeUo Alla cera mortal, fa ben sa' arte; Ma non distingue l'un dall'aUro ostello, Quinci addivien. Natura gencrata il suo eammino Simil farebbc sempre a' geneninti. Se non vincesse il provveder diviiio. Or quel, clie t' era dielro, t' è davanli: Ma perché sappi, die di te mi giova.

Dn coroUario voglio, che t'anunanti. Sempre Natura, se fortona tfnova Discorde a se, couic ogni altra seniente Fuor di sua région, fa mala pruova. E se '1 roondo laggià poqesse mente Al fondamento, che Natura pone, Seguendo lui avria buona la gente.

Ma voi torcete alla religione Tal. Ilappotcfiè Girio luo, bellt demeniH. Taci, e lam volfer gU anni ; Si cfa'io non posso dnr, se non ehe pianto Giuslo verrà dirîetro a' vosiri danni.

E aià la vita di quel lume sanlo Hivolta sera al Sol, die la rieinpie. Corne a quel ben, cb' ad ogoi cosa c tanto. Ahi anime ingannate, e ftUne ed empie, die dt si Mo ben toroete i cori, Driiiando in vanité le vosire teropie f Ed ecco un altro di quegli splenduii Ver me si feoe', c '1 suo voler piacermi Significava nel chiarir di fuori.

Quand ton Charle, ô Clémence, à mon incerlilude. Source du vrai bonheur dont tout porte Tempreinle. Hélas, coeurs aveuglés, folie, impiété. Soudain, vers moi s'élance une autre de ces sphères; 5 Signalant par Tédat qui d'elle jaâlissait. Poursuit, tel un ami de nous plaire enchanlé. Cunizza fui chiaroala e qui refuigo. Perché mi vinse il lume d' esta Stella.

Di quesia luculenta e cara gioîa Del DosSro Ciela, che pin m'é profuaqoa. Vedi se far si dee V uomo ect ellenle. Si ch' altra vita la prima relioqua: Né per esser battnta ancor si pente. E dove Sile e Cagnan s'aeeonipegna,. Tal signoreggia e va con la testa alla, Che già per lui carpir si fa la ragna. Piangerà Feltro ancora la diflalta DcH'empio suo pastor, che sarà sconcia S , ebe per simil non s' entré in Nalta. Troppo sarebbe larga la bégoncia, Che rieeveese 1 s ang nc Perrarese ; E stanco chi 1 pesasse ad oncia, ad oncia, Che donerà questo prête cortese, Per moitrarsi di parte; e cotai doni Confonni fieno al viver del paese.

Nais Padoue, et bientôt, rougira la boisson 16 c Du lac qui sous Vioence y languit endormie: Là-baut sont des miroirs que vous appelez trônes.

In che si mise, com'era daTante. L' altra Iclizia, che m' cra già nota. Prcclara cosa mi si fece in vista, Quai tin baiascio, in che io Sol percaoia.

Per letiiiar laaaÀ fîilgor s'acquiata, SI come riso qui ; ma giû a' afabnia L'ombra di fuor, come la mente è Irista.

Dio vede luUo, e tuo veder s' inluia, Diss'io, i eato spirto, si ctie nulla Voglia di sè a le puote esaer foia. Dunque la vooe lua, die 1 Ciel trastiiUa Sempre col canto di quei fnochi pii, Che di sci aie fannosi cuculla.

Perché non salisface a' miei desii? Già non allendere' io tua dimanda, S' io m' intuasai, come tu i' immii.

Folco III i disse juella gente. L i'loile que j'avais tout d'abord aperçue, ÎS ' Henforce à mon aspect l'or pur. Non perô qé m pente, ma ai ride, Non délia colpa, eh' a mente non toriia. Ma del valore, ch' ordiiiô e provvide.

Qui si riniira [irll'arle, ch' adorna Con taiito aiVotto, c discernesi 'I bene, Per che al mondo di su quel di giù tonia. Va perché le tne voglie toUe piene Ten porti, che son nate in questa spera, Procedorc ancor oitre mi conviene.

Or sappi, che là entre si rancpiiUa Baab. Che '1 vostro mondo iace,. Entraînant tout d'en haut dans son activité. Mais pour combler enfin Tablme de ton doute, 87 Doute ici. Ta désires savoir le nom de ce flambeau 38 Qui luit auprès de moi, météore impassible Ainsi que du soleil un rayon luit dans Teau? C'est Rahab, qui vit ici paisible, - 39 Rahab qui réunie à nous en ce zénith Y laisse de ses traits une empreinte visible, t Dans ce ciel oè d'eo-bas la pénomfare finit, 40 Coryphée, on la vh dévancer la milice Que le Christ triomphant an ciel introdnisit.

Elle devait laisser une luain de justice 41 Quelque part dans le ciel, sublime monument. Prix de la double main otlerte en sacrifice. Guardando oel auo Figlio oon ï Anore, Che riino e l'altro elernaknenle spîra, Lo primo ed ioefiabile Valore, Quanto per meute, o per occhio ai gira Coo tanio ordioe fe', eh' easer non pQote Sensa gnslar di lui chi ci6 rimira.

E 11 comincia a vagbeggiar oeil arle Di quel maestro, cbe deqtro a aè l'ama Tantû, che mai di ki P ooehio non parle. Lecteur, montons de l'ail dans l'espace bKdanl 8 Directement au point de la céleste plage.

Où les deux cercles mus se heurtent en roulant. Et si bien, que jamais il n'en distrait sa vue. Vois comment de ce point il déroule son cours! I L'orbe oblique apportant la planète aUendue , Aux vonix de l'univers réclamanl ses retours.

E se dal dritto più o men lonlano Fosse '1 partire, assai sarebbe manco E giû e sa deU'ordine mondano. Che a se ritorce tulta la mia cura QneUa materia, ond' io son hUo âcrtba. Lo ministro maggior délia Natora, Che del valor del Cîelo îl monde imprenta, E col suo lume il tempo ne misura, GoD quella parte, che su si l'ammenta, Congiunto si girava per le spire.

In che piû tostb ogni ora s' appresenta ; Ed io era oon lai ; ma del saHre Non m' aocors' io se non com' uom s' accorge Anzi '1 primo pensier del suo veoire. Ê Béatrice quella, che si scorge Di bene in nwgUo si stbitamenle, Che l'atto suo per tenpo m sporgo, Quant' esser oonTetiia da sè lucente t Quel, ch'era dentro al Sol, dov' io entra mi.

Non per color, ma per lume parvcnte, Perch'io lo 'ngegno, e Tarte, e l'uso diiami, SI ool dbei, che mai s'immaginasse; Ma oreder poossi, e dt veder si brami. E se le fantasie noslre son basse A tanta altezza, non è maraviglia, Che som '1 Sol non occhio ch'audasse. Et tonte vertu presque y dormirait sans vie. Si du sentier din'cl sa roule s'égarait 7 Ou plus, ou moins, du monde entier lécouomic, Et là-bas, et là-haut ae bouleverserait. Ferme à ton bane, leelenr, reste, je l'y convie, 8 Reviens sur tes pensers aniîeîpé festin Avant que tout plaisir ne loume en lassitude.

Je t'ai servi les mets, prends-en le doux levain; 9 Car il me veut tout zèle et tout sollicitude Le chant dont je me suis déclaré Técrivain.

Et dispensant le temps par sa propre lumière. Joint au cercle plus haut énoncé dans mes vers, tf Paisible, parcourait la spirale carrière Par où l'heure inftûUiUe arrive à l'univers. Et j'étais avec lui ; maie- comment en son aire? Non point par des couleurs mais lumière ostensible.

Nais, si telle hauteur parait inaccessible 16 A notre esprit trop bas, que serions nous ravis? Tal' cra quivi la quarla famiglia Dell' alto PÉdre, che sempre la saiia. Moslraodo eome spira, e corne figlia. Cuor di mortal doo fîi mai ai digeaU A divoiione, a rendersî a Bio Con tutto 1 sao gradir ootanto presto. Corn' a juelle parole nii foc' io: E si tutlo 1 mio amore in lui si mise, Chc Béatrice edissô oeU'obblio. Non le dispiaoqoe; ma al se ne rise, Cbe lo splendor degli occhi siioi ridenti Mia mente unita in piû cose divisé.

Cosl cinger la figlia di Latoaa Vedem ta! Si chc rilcnga il fil, che fa la zona. Nolla Corte del Ciel, d'ond'io rivegno, Si truovan molle gioie care e belle Tanto, die non ai peaaoa trar del regno ; E M canto di que' lumi era di qaelle: Chi non s'impenna s , che lassû voli, Dal muto aspetti quindi le novelle.

Poi si cantando quegli ardenti Soii Sî ur girati intono a noi ire voile. Ma che s' arrestin tacite ascollando. Fin che le nuove uole haono riculle: Respirant en Tesprit s'engendrant en son fils. Et Béalrix a dit: Que ne le fut le mien après ce doux langage: Bien loin de s'y déplaire, elle an contraire en rit, 9 Et telle que son cmI au lumineux sourire L un tout sur divers points divisa mon esprit.

Je vis maints feux vivants déployer leur empire, 22 Nous prendre, nous, pour centre, eux cercler l'horizon. Plus suaves de voix qu'éclatants de lumière. A la cour de ce ciel d'où je reviens naguère, 34 On trouve des joyaux et beaux et précieux, Tds qu'on ne tes saurait exporter de leurs sphères.

De ces beautés étaient les hymnes de ces feux. Continuant leur chant ces ardents luminaires 96 Trois fois, amour de nous, roideni tourbillonnants: Tels les astres voisins de l'immobile pôle. Je crus voir devant moi danseuses en suspens, 37 Muettes écouter pour reprendre à la vole La noie qui viendra solliciter leurs ciiants. U' ben s' impingua, se non si vaneggia. Quesli, cbe m' c a destra più vicino, Frate, c maestro fummi: Quel Pietro fu, cbe con la poverella Offerse a santa Chiesa il suo Tesoro.

La quinta luce, ch' è tra ooi più bella. Spira di taie aiaor, che tulto il mndo Laggià n'ha goia di aaper iiovella.

Entro v' è V alta luce, u' si profoodo Saver fu messo, i he se 1 vero e vero, A veder tauto non surse 1 secondo. Del cui latino Agostin ai provvide. Or se lu Toechio délia mente Irani Di luce in liice dielro aile mie Iode, lià dell ollava con sele l imani: Per vedere ogni ben dentro vi gode L'anima santa, che '1 mondo fallace Fa manifesto a chi di lei ben ode. Lo oorpo, ond'elfa fb caeciata, jçiace Gmso in CiiUiimro.

K il hune d" uno spii to. Tra i nuovi ufficiali c'era Louis Florimond Fantin des Odoards di Embrun , il cui diario copre la storia del 31e fino al Al suo arrivo, nel luglio , i cacciatori erano a Torino, e il 18 agosto un distaccamento fu mandato ad Ivrea.

Tuttavia, nominato in ottobre ADC dell'ex-giacobino e poi generale ispettore Guglielmo Michele Cerise , Fantin non prese parte alle operazioni sul Mincio, mentre i cacciatori di L'Ecuyer, schierati a Palazzolo, erano Tunica unita piemontese in linea.

Uno dei due battaglioni fu pero distaccato di presidio nel Novarese e soltanto cacciatori presero parte alle operazioni contro l'Armata austriaca di Bellegarde, inquadrati in una Brigata francese comandata da Colli Ricci, che aveva come aiutante di campo il capitano Filippone.

La Brigata faceva parte della Divisione Loison, assegnata al corpo del centro Suchet. Capo di stato maggiore di Loison era l'italiano Castella. II 19 dicembre la Brigata Colli, improvvisamente circondata a Ceresara [7 km da Goito] da 5 battaglioni e 2 squadroni austriaci, li attese a pie fermo, li ricaccio sino a Vasto e dopo tre ore li costrinse a ripassare il Mincio. Nel rapporto a Suchet, Loison scrisse: Durante la battaglia di Pozzolo del 25 dicembre, alle 17 la Divisione Loison fu spedita di rinforzo alia debole testa di ponte stabilita da Dupont sulla sinistra del Mincio e Suchet ordino a Colli di riprendere Pozzolo.

Secondo il rapporto del generale Claude Antoine Hippolyte de Preval, testimone oculare e capo di SM di Suchet, Colli, "dont le calme croit avec le danger", fece dapprima un tentativo di prendere il ponte coi tirailleurs; ma frustrato questo dai cannoni nemici, carico alia baionetta su due colonne, riuscendo a portarsi sulla sinistra del Mincio. Qui attacco frontalmente alia testa della e DB, mentre la 43e DB e i piemontesi aggiravano da destra, e dopo duro combattimento tra le case il villaggio fu ripreso e austriaci furono fatti prigionieri.

Alle 20 del 2 gennaio , sotto Verona, la Brigata Colli espugno le alture di San Leonardo e Tagliafermo che dominavano la strada per Trento, facendo prigionieri. L'unica perdita tra gli ufficiali fu quella del capitano Louis Gerbel, ucciso pero in duello il 20 dicembre A seguito dell'ammutinamento degli artiglieri piemontesi di stanza a Torino, Bonaparte decise l'inquadramento collettivo o individuale delle truppe piemontesi nell'esercito francese, e cosi dal 26 agosto la la mezza brigata leggera piemontese divenne ufficialmente la 31e demi brigade leger, provvedimento poi sanzionato con arrete del 21 gennaio Non riuscendo a domare Violino, il 29 novembre Soult gli concesse di trasformare le sue bande in 3 compagnie regolari di "cacciatori volontari a piedi", con facolta di reclutare nelle province di Cuneo e Mondovi.

L'iniziativa ebbe successo, tanto che, liquidato Violino, agli ex-briganti fu affidata non soltanto la scorta delle merci ma perfino quella del trasporto valori del governo. II 19 gennaio il corpo fu elevato al rango di Battaglione, detto degli Chasseurs des Alpes, equiparato il 7 marzo a quelli regolari.

I barbetti pero non accettarono di sottomettersi alia disciplina militare e il battaglione, indebolito dalle numerose diserzioni, fu sciolto il 20 aprile e incorporato nella la MB leggera, di guarnigione ad Alessandria. Al 30 aprile la mezza brigata contava effettivi, di cui provenienti dagli Chasseurs des Alpes. Questi ultimi continuarono pero a disertare, tanto che alia fine dell'anno ne restavano appena 74 in maggioranza appartenenti al nucleo di 56 chasseurs che avevano gia servito neH'armata sarda.

Repulisti alia 31e demi-brigade d'infanterie legere L'omologazione amministrativa, affidata al generale piemontese Colli di Felizzano, comportd pure la revisione dei conti: II 20 giugno dettero le dimissioni un capitano savoiardo e un AM francese; F8 luglio, per ordine di Seras, fu destituito e deferito in giudizio il capobattaglione Armelin, e una settimana dopo si dimise un altro AM savoiardo. II 16 agosto Debelle colloco in ritiro per presunta concussione lo stesso capobrigata L'Ecuyer.

In un rapporto del 12 marzo da Alessandria [recentemente messo all'asta online], il generale Jean-Augustin Ernouf , ispettore della fanteria dell'Armee du Midi e delle truppe in Piemonte e Liguria, riferiva che la mezza brigata leggera si era resa colpevole di "nombreuses dilapidations; des sommes considerables furent diverties, le soldat pour le soulagement duquel elle etaient destinees, se trouva denue de tout, la desertion s'en suivit.

Le gouvernement piemontais voyant que cette demi- brigade etait sur le point de se dissoudre totalement, manda a Turin le chef avec plusieurs autres officiers. D'apres des informations, le citoyen L'Ecuyer fut chasse du Corps II importe que les autheurs du desordre soyent punis Ad onor del vero risulta da un rapporto ministeriale del 25 settembre che Miroglio era stato prosciolto dalle accuse di "dilapidazione" e falso e che aveva poi obbedito all'ordine di presentarsi alia commissione speciale per l"'appurement" dei conti della 31e istituita dal ministro il 2 aprile [e sedente a Dieppe].

Quanto a L'Ecuyer il rapporto non menziona condanne, pur dicendo che "paraissait etre de connivence" con Miroglio "pour l'emploi illegal de diverses sommes" e che, essendo irreperibile, non era stato possibile notificargli la convocazione a Dieppe.

Fornaris e Mejan A L'Ecuyer era subentrato Teodoro Fornaris di Casale, il quale, pur assegnato al Tribunale militare di Alessandria, tenne il comando interinale circa un anno, fino alia partenza della 31e per la Francia, dove il comando fu rilevato pare nel giugno dal capobrigata Louis-Joseph Mejan, che gia dal 21 dicembre erra stato formalmente nominato comandante della 31e. Mejan, gia comandante della 27e DB legere all'Armee de Naples, aveva firmato, il 21 giugno , la resa dei castelli di Napoli, in cui aveva accettato di consegnare ai borbonici i patrioti repubblicani che avevano partecipato all'ultima resistenza.

Percio l'esule lucano Francesco Lomonaco l'aveva accusato di tradimento nel suo Rapporto al Cittadino Carnot sulla catastrofe napoletana, pubblicato a Parigi nel e a Milano nel Quale che sia stato l'effetto delle accuse di Lomonaco presso Bonaparte, sta di fatto che Mejan non fece camera, pur restando al comando del 31e fino al luglio La riorganizzazione del 31 marzo Come abbiamo accennato, la prima organizzazione della mezza brigata leggera risale al 30 aprile , quando contava sottufficiali e truppa effettivi, di cui provenienti dai cacciatori piemontesi, 5 dai cacciatori valdesi e dai cacciatori delle Alpi.

II primo registro dei sottufficiali e truppa della 31e fu pero aperto solo il 9 dicembre, iscrivendone retroattivamente 1. Nei due mesi e mezzo successivi furono incorporati un altro centinaio di uomini, arrivando al N.

Nei primi undici mesi di vita del corpo, il ricambio della truppa era stato elevatissimo, perche nel 31e erano transitati ben 1. Ai originari se ne erano infatti aggiunti altri , di cui di nuova recluta, tornati al corpo e trasferiti da altri corpi.

In compenso il corpo aveva subito perdite: Nella rivista passata da Colli risultavano 55 ufficiali, inclusi il capobrigata Fornaris, i capi dei due battaglioni Falcon e Aubert , un aiutante maggiore, un chirurgo e 50 ufficiali inferiori.

Quattordici di questi ultimi 5 capitani, 5 tenenti e 4 sottotenenti furono poi riformati, ma in compenso ne arrivarono 18 nuovi, per cui nella rivista passata da Ernouf i quadri delle 1 8 compagnie due di carabinieri e 16 di cacciatori risultavano al completo.

Si erano inoltre aggiunti un capobattaglione "charge du detail" Vigier , un quartiermastro tesoriere, un secondo aiutante maggiore e un secondo chirurgo. II Piccolo stato maggiore includeva 2 ASU, 4 maestranze, tambur maggiore, caporale tamburo e 8 bandisti. Le condizioni della 31e erano pietose.

Aveva appena fucili cattivi, con baionette, sciabole; l'equipaggiamento "non esisteva piu" 90 tracolle per giberne ; il vestiario si riduceva al solo abito ed erano appena , in genere a brandelli, senza vesti ne culottes. Insalubri le caserme, il casermaggio composto unicamente da lenzuola e coperte troppo piccole, l'ospedale senza letti ne medicinali.

Buone disciplina e "tenue" a parte gli abiti stracciati ma i soldati erano del tutto privi d'addestramento e inoltre un quinto erano assenti 92 distaccati, 84 all'ospedale, 15 in congedo e 23 detenuti: Se l'istruzione pratica dei quadri ufficiali e sottufficiali era "mauvaise", quella teorica era "nulle".

On y a recu aussi des deserteurs de differentes puissances. La precipitation avec laquelle cette demi brigade fut levee influa beaucoup sur son organisation.

Son premier chef nomme L'Ecuyer commit des dilapidations en tout genre il n'y avait point d' administration, le bataillon des Alpes etant en partie compose par des barbets du col de Tende, un parei'l amalgame ne peut pas donner un bon esprit de corps. L'ex chef de brigade Fornaris a rappele l'ordre et une partie des officiers dilapidateurs a ete chassee, la nouvelle organisation ne fera que consolider ce que le chef Fornaris a fait, mais il est tres necessaire que cette Vi brigade sorte du Piemont".

La decisione di trasferire il corpo in Francia era gia stata presa. La partenza dei corpi piemontesi per la Francia awenne dopo il plebiscito effettuato tra i corpi militari sull'attribuzione a Bonaparte del primo consolato a vita; il generale Eugenio De Rossi, storico del llle de ligne, ipotizzo che il trasferimento oltralpe fosse stato deciso per un supposto scarso entusiasmo dei piemontesi.

Si tratta pero di una mera ipotesi "patriottica", non sorretta neppure da indizi, e contraddetta dal fatto che la politica di "depayser" i corpi reclutati nei paesi di nuova annessione era una costante di Napoleone e che la decisione circa le tre mezze brigate piemontesi era stata presa ben prima del plebiscito.

La partenza awenne probabilmente il 24 maggio: Fantin attesta che il 29 maggio era a Susa, in marcia per Besancon. Da qui, il 26 giugno, il nuovo capobrigata Mejan parti col plotone di rappresentanza [capitano Vidalies, tenente Sadin, sottotenente Marucchi, segenti maggiori Fava e Moritz, un sergente, 4 caporali, 1 tamburo e 16 carabinieri e cacciatori, uno per ciascuna compagnia] per partecipare alia proclamazione del consolato a vita che ebbe luogo a Parigi il 14 luglio sulla place du Carrousel, durante la quale furono consegnate ai vari corpi le bandiere mod.

Watrin [tre per ciascun corpo, secondo l'arrete del 25 Messidoro Anno X, 10 giugno ]. II 2 luglio 20 uomini furono trasferiti a Brest per formare il III battaglione del 18e leger e ai primi di luglio la 31e risultava arrivata a Ginevra.

Givet, alia frontiera col Belgio, era allora una piazza di guerra, ma Fantin e i suoi colleghi alleviarono il tedio recitando settimanalmente un'opera francese e una italiana. Qui, il 14 febbraio, fu ancora il generale Colli a passare la rivista della mezza brigata.

Gli effettivi erano ridotti a 1. Rispetto alia precedente rivista di Alessandria ossia in 10 mesi e mezzo c'era stato un ricambio del 45 per cento dei sottufficiali e truppa, con perdite e nuovi arrivi. Le perdite erano dovute soprattutto a diserzione e ad un salutare repulisti 54 cassati per condanna: In aumento nuovi volontari, 69 tornati al corpo disertori recuperati? L'elogio di Colli a Mejan nella rivista di Givet 14 febbraio Le annotazioni di Colli alia rivista sono un peana al capobrigata Mejan, "qui a reellement opere dans ce corps une amelioraion qui merite l'attention du Premier Consul", e al capitano aiutante maggiore Borda, eccellente istruttore del corpo e meritevole di avanzamento come pure il tenente Regnault e il sottotenente de Filippi.

Colli approvava invece la richiesta di Mejan di allontanare il capobattaglione Vigier, incaricato del dettaglio, il quale era stato pure oggetto di lamentele scritte del sindaco di Givet e di un privato ["on dit qu'il est tres crapuleux, il lui est deja arrive quelques affaires peu conv enable a un officier superieur, scandaleuses meme"].

Colli giudicava "excellent" lo spirito di corpo, la fedelta politica e l'armonia che regnavano nella mezza brigata. L'istruzione pratica era "tres fort", essendo tutti veterani, e "abbastanza avanzata" quella teorica. Le manovre erano ben eseguite, non si sentiva piu parlare di furti e saccheggi, i soldati erano puntuali ai contrappelli e "on est content d'eux dans le pays".

La 3 le faceva la sua figura, nonostante avesse ricevuto appena abiti invece dei mille distribuiti a ciascuna delle altre due mezze brigate della Divisione, e ne avanzasse ancora , oltre a vesti e pantaloni.

Le caserme erano belle, areate, ben disposte e ben tenute: Come diremo tra poco, l'entusiastico giudizio di Colli fu ribaltato sei mesi dopo da Suchet.

L'incorporazione del II battaglione della llle de ligne 25 aprile Con arrete del 6 aprile la e demie brigade de ligne ex- piemontese fu soppressa e il numerale fu accordato ad una nuova mezza brigata da formare con belgi. Gli effettivi della vecchia e formarono i terzi battaglioni delle due mezze brigate ex-piemontesi superstiti.

L'incorporazione avvenne il 25 aprile, portando la forza a 27 compagnie 3 carabinieri e 24 cacciatori e gli effettivi a 1. Erano pero distaccati in reclutamento in Piemonte ben uomini 2 capitani, 1 1 tenenti, 8 sottotenenti, 46 sergenti e 47 caporali. Nella corrispondenza di Napoleone figura, alia data del 16 aprile , l'ordine di inviare al deposito di Nantes tutti i "volontari per le colonie" delle tre mezze brigate ex-piemontesi.

Non ne conosciamo il numero, ma a giudicare dall'aumento di 27 ufficiali e uomini registrato a fine aprile, sembra che l'accorta 31e abbia inviato nelle Antille ben pochi volontari. La tappa intermedia era Amiens, raggiunta a marce forzate, perche la mezza brigata doveva essere passata in rivista da Bonaparte. Lui non ebbe pero tempo di aspettarla e la parata si svolse sotto il balcone di Josephine, rimasta ad Amiens. La moglie del primo console ricevette poi Mejan e una rappresentanza di 12 ufficiali tra cui Fantin , e durante la festa data in suo onore sulla Somme voile accanto alia sua gondola quella su cui era imbarcata la musica della 31e, la migliore di tutte.

II III battaglione ebbe il battesimo del fuoco il 14 settembre , quando Dieppe fu bombardata dalla fregata Immortalite e dai bomb-vessels Perseus ed Explosion. Quasi certamente fu in tale occasione che il tamburo Luigi Ravarino, della III compagnia carabinieri, fu citato per aver impedito l'esplosione di una bomba caduta dentro la batteria "La Patriote" spegnendo la miccia col fazzoletto. La Naval History of Great Britain non menziona l'incursione su Fecamp, in ottobre, di cui fu testimone Fantin, il quale ricorda il tiro assordante dei mortai costieri.

La prima rivista di Rouen e le critiche di Suchet 18 agosto A Rouen la 31e fu raggiunta dai primi coscritti arrivati dal Piemonte sugli delle classi XI e XII destinati alia 31e. Nella rivista passata il 18 agosto da Suchet, allora ispettore generale della fanteria, risultava percio un effettivo di uomini, con una diminuzione di 4 ufficiali subalterni e un aumento di sottufficiali e truppa rispetto al 25 aprile.

Rispetto alia rivista del 14 febbraio a Givet c'era stato un aumento di ben 1. La 31e aveva pero perduto ancora 8 deceduti, 39 disertori, 53 congedati, riformati o passati nei veterani, 30 cassati, 3 promossi ufficiali e 21 trasferiti inclusi un sergente francese e uno piemontese, quest'ultimo decorato di medaglia d'argento al valore sarda, trasferiti alia guardia consolare.

Dedotti 21 ufficiali, 47 sergenti e 41 caporali distaccati in reclutamento in Piemonte, 93 malati, 6 detenuti e 15 figli di truppa, restavano 1. Gli ufficiali erano 58 piemontesi, 18 francesi e 1 svizzero. Quest'ultimo proveniva dalla legione valdese, come 5 francesi e 13 piemontesi. Quanto alia situazione complessiva, il giudizio di Suchet era opposto a quello di Colli. Certamente in sei mesi la composizione della 31e era stata del tutto trasformata dall'incorporazione di un intero battaglione, inclusi i quadri, e dall'arrivo di altrettanti coscritti: II capobrigata, benche pieno di zelo e buona volonta, non era abbastanza forte da imporsi sulle fazioni e assicurare l'armonia ["Esprit de corps.

II n'en existe pas, l'esprit de parti est l'esprit dominant, les nuances entre les officiers piemontais, vaudois et francais sont encore tres marquees. Parmi les premiers il en est quelques uns qui ont longtemps reve a l'independance du Piemont et que Ton soupconne d'y rever encore. Le Chef, quoique plein de zele et de bonne volonte n'est pas assez fort pour comprimer les partis et faire regner un bon esprit"]. Gli ufficiali conoscevano i regolamenti a memoria, ma non sapevano metterli in pratica: I sottufficiali, in massima parte piemontesi, avevano un'infarinatura data dalla routine.

Quelli del III battaglione, provenienti dalla e, erano migliori in quanto veterani dell'Armata sarda, dove pero mancava un criterio unico perche ciascun reggimento faceva a modo suo. II maneggio delle armi e le manovre di plotone erano eseguiti "sans precision et sans assurance" e pochissimi capiplotone sapevano far eseguire la scuola di battaglione.

Suchet concordava con Colli, sia pure con minore enfasi, sulla disciplina [migliorata dopo l'abolizione delle punizioni corporali, a lungo praticate] e l'aspetto generale ["passabile", tenuto conto dello stato di "denouement" e del vestiario in condizioni "pietose": In generale gli uomini erano "belli", ma di bassa statura, pure aldisotto della taglia regolamentare.

Solo il III battaglione aveva un armamento nuovo fucili con baionetta e in buono stato. Dedotti fucili e 72 sciabole fuori uso, ne restavano appena e 1. Incompleto, anche se buono e ben tenuto, l'equipaggiamento.

Le caserme erano belle e ben tenuto, ma le camerate erano trascurate: La guarnigione di Rouen si lamentava a ragione della qualita "detestable" del pane, migliore in compenso a Dieppe e Saint- Valery-en-Somme. Infine il costo del piccolo abbigliamento 3 franchi e 70 centesimi per un gilet e un pantalone eccedeva le ritenute sul soldo 2,88 con un deficit di franchi.

II buon Suchet, destinato poi a farsi amare dagli aragonesi e dagli italiani ai suoi ordini in Spagna, raccomandava inoltre riconoscimenti ai militari della 31e provenienti dall'ex-Armata sarda, chiedendo la conservazione dell'alta paga a individui e l'ammissione nei veterani di altri 76 tra cui uno mutilato del braccio sinistro ma capace di servire con la sciabola! Riferiva infine di aver fatto una nuova purga di 51 cattivi soggetti, ma di averne sospeso il rimpatrio per timore che la maggior parte, non avendo "ni feu ni lieu", non si desse di nuovo al brigantaggio.

Quest'ultimo era stato piu volte punito per la sua "immoralita" [ma Fantin, che anni dopo fu suo comandante di compagnia, ne parla bene: Bernezzo fu inoltre il primo ufficiale caduto del reggimento, nel in Polonia].

De Filippi era professionalmente capace ma "da tenere d'occhio". II torinese Piovani - un ex-maestro di scherma che nove anni dopo, a Salamanca, si sarebbe dimostrato il piu valoroso ufficiale del reggimento - era considerato "privo d'istruzione e di attivita per il suo posto" e "segnalato come uno spirito irrequieto", anche se pareva "comportarsi bene". Agli altri si rimproveravano mancanza d'istruzione e tendenza all'intrigo e ai discorsi "sconsiderati".

Ad avercela col savoiardo Michel-Ange Alliot coetaneo di Napoleone era in particolare Mejan, che lo definiva "brouillon et turbolent E in effetti un bel tipo lo era davvero: Tuttavia Suchet aveva sul tavolo le ottime note caratteristiche stilate sul conto di Alliot da Grouchy, e il capitano si dimostrd davvero valoroso, guadagnando la Legion d'onore a Friedland, dove fu ferito.

Passato al servizio territoriale, si distinse ancora nel difendendo Marienburg per 34 giorni, sino al 28 luglio.

II Battaglione scelto e le compagnie volteggiatori In dicembre le compagnie carabinieri e le prime cacciatori della 31e [nel frattempo divenuta "reggimento"] furono riunite in battaglione scelto, comandato da Beuf e assegnato con altri 1 1 simili alia Divisione granatieri Oudinot, in addestramento ad Arras [verso il Belgio].

II 16 dicembre contava effettivi, con fucili e uniformi. Qui il 17 settembre gl'inglesi fecero un'incursione catturando 2 scialuppe, ma il sergente Bouchet li obbligo a mollarle contrattaccando con altre 2 scialuppe prestate dal sindaco e guarnite di cacciatori, piu 17 marinai e 2 gendarmi.

La seconda rivista di Rouen 7 ottobre Nella rivista passata in ottobre ai battaglioni ordinari risultavano 66 ufficiali, inclusi due quarantenni appena pensionati [1 capitano svizzero nato a Torino e 1 sottotenente francese], di cui 46 ex sudditi sabaudi inclusi 2 capitani savoiardi e 1 nizzardo e 1 sottotenente svizzero nato a Tortona e 20 francesi.

Questi ultimi erano il colonnello Mejan , il maggiore Maransin , il quartiermastro, tre chirurghi, un capobattaglione Falcon e un aiutante maggiore [contro uno e uno piemontesi e quelli del terzo non indicati], 6 capitani su 21, 1 tenente su 18 e 5 sottotenenti su Secondo il generale Meusnier, Mejan aveva "des moyens naturels mais peu d' instruction.

Ses liaisons et ses habitudes se ressentent aussi d'une bonne education. Du reste, il maintient une bonne discipline dans son regiment et s'occupe des besoins du soldat. II parait attache au gouvernement. Gli effettivi erano 2. Nel periodo il 3 le aveva ricevuto 30 volontari e coscritti delle classi XI-XII, ma un decimo delle reclute era stato riformato e la maggior parte appena giunti al corpo per epilessia, tubercolosi, stupidita ecc.

Le perdite erano state 26 morti, 77 disertori, 18 cassati per lunga assenza in ospedale, 4 per condanna, 37 riformati, 2 pensionati e trasferiti ai veterani. Erano da riformare per ragioni di salute 25 volontari e 54 coscritti e da congedare altri 52 8 con pensione e 44 con trasferimento nei veterani.

Gli effettivi a Dieppe e Fecamp erano 1. II distaccamento di reclutamento in Piemonte contava 8 ufficiali, 28 sergenti e 24 caporali e il battaglione scelto effettivi, inclusi 22 ufficiali [tra cui Fantin, ufficiale pagatore]. Era distaccato a Le Havre dove si imbarcd sulla flottiglia costruita sulla Senna per raggiungere Boulogne, base di partenza del progettato sbarco in Inghilterra.

Secondo il bollettino segreto di polizia dell' 11 febbraio , il 31e, "composto in massima parete di piemontesi, accantonato sulla costa della Senna Inferiore, serv[iva] male e senza disciplina", trascurando la guardia dei posti e batterie e commettendo vari furti. Nella rivista dell' 8 agosto risultarono 2.

Quasi un quinto degli abiti e un quarto dei fucili era fuori uso. II battaglione scelto alia Grande Armee 16 agosto maggio La marcia del battaglione scelto del 31e da Bruges a Ulm Non dando abbastanza affidamento, i cacciatori del 31e furono esclusi dalle forze fulmineamente trasferite dalle coste della Manica al fronte danubiano: Militaire Chapelot, Paris, , p.

Altre fonti danno invece effettivi [la differenza con dipende forse dal computo degli ufficiali]. L'8 ottobre la Divisione prese parte col resto del V corpo al combattimento di Wertingen, sostenendo la cavalleria di Murat.

Da qui torno indietro verso Ulm, marciando sotto la pioggia per Zusmarshausen, Burgau, Giinzburg e Weissenhorn, da dove il battaglione del 31e fu distaccato a Wullenstetten per sostenere un reparto di ussari attaccato da dragoni austriaci 11 ottobre. II 14 ottobre la Divisione ripasso il Danubio su una pericolante passerella crollata l'indomani, bivaccando nell'umidita e tra falsi allarmi a Gottingen e manovrando il 15 a una lega da Ulm.

II 30 ottobre entro in Austria traghettando l'lnn a Braunau, il 3 novembre passo Danubio a Linz, e il 5, sulla grande strada per Vienna, sloggio il nemico da Amstetten, che fu poi saccheggiata.

II 9 la Divisione si attesto sulle alture oltre St Polten, a 15 leghe da Vienna [e Fantin salvo una casa dal saccheggio] e il 13 entro a Vienna, sfilando in alta uniforme tra due ali di folia e con gli onori della guardia civica.

La marcia prosegui per la Moravia, passando il Danubio al ponte di Melk, preso da Murat con un inganno temerario, catturando strada facendo il parco d'artiglieria russo e attestandosi il 15 davanti a Hollabrunn, 50 km a N di Vienna. I russi guadagnarono una giornata abbindolando Murat con un finto negoziato di resa, finche Napoleone non taglio corto. I granatieri dovettero cosi attaccare alia baionetta a tarda sera del 16 e combattere duramente ai bagliori dell'incendio appiccato dai russi al villaggio per coprirsi la ritirata.

Oudinot, ferito gravemente ad una coscia, fu sostituito da Duroc e la marcia riprese il II 18 Napoleone capito d'improvviso al bivacco del battaglione Beuf, fermandosi giusto il tempo di scaldarsi alle braci e cavarne una patata chiacchierando con uno dei granatieri: Encore un bon coup de collier et nous en finirons. Alors je vous promet la garnison de Vienne! Da Briinn a Vienna 19 novembre gennaio II 19 novembre Napoleone passo in rivista la Divisione schierata in battaglia alle porte di Briinn [Brno], caracollando tra i ranghi mentre il vescovo e i notabili venuti a consegnargli le chiavi della citta gli arrancavano dietro sguazzando nel fango.

Poi i granatieri entrarono in citta mentre l'imperatore Francesco II usciva dalla parte opposta, ed andarono ad acquartierarsi a Karthaus, mezza lega piu avanti, restandovi fino al 28 novembre, quando presero posizione all'ala sinistra della Grande Armee, sulla strada di Olmiitz [Olomuc], presso il villaggio di Schlapanitz [oggi Slapanice, 7 km leggermente aN-0 di Austerlitz]. La vigilia della battaglia Duroc avviso i granatieri che Napoleone avrebbe trascorso la notte in mezzo a loro: Al mattino arrivo da Vienna Oudinot, non ancora guarito, al quale Napoleone concesse di condividere il comando con Duroc.

Fantin scrive di aver sentito le urla dei russi in fuga sui laghi ghiacciati che morivano precipitando nei crepacci aperti dalle batterie francesi, e di aver visto i vincitori fraternizzare coi feriti e i dispersi nemici che si avvicinavano ai bivacchi per cercare ristoro.

II 3 dicembre i granatieri avanzarono verso Olmiitz, ma il 4 furono richiamati ad Austerlitz e mandati a Ottnitz [Otnice], sulla strada per l'Ungheria, dove assistettero all'incontro di Napoleone e Francesco II. Mantenendo la promessa fatta dopo Hollabrunn, furono mandati di guarnigione a Vienna, dove arrivarono il 9 dicembre.

Nella distribuzione delle ricompense fatta il 6 gennaio , Beuf ebbe la croce di ufficiale della legion d'onore e dodici dei suoi uomini quella di cavaliere [capitani Paoli, Piovani, Pompega e Seguela, tenente Burcetti, sergenti Carosio e Cigua, carabinieri Guignotti, Mauri, Tesari, Vavrecchi e Ruffini]. Nel principato di Neuchdtel 18 marzo maggio Partita da Vienna 1'8 gennaio, I'll la Divisione Oudinot lascio le ridenti pianure danubiane per attraversare penosamente le erte montagne dell' Austria Superiore, e, dopo una sosta a Oswald, il 27 passo l'Inn a Scharding, scendendo nella Bassa Baviera.

La marcia prosegui poi per Straubing [dove Fantin ottenne un permesso per una gita a Ratisbona] e Ingolstadt. La Divisione fu pero destinata ad occupare il principato di Neuchatel, ceduto dalla Prussia, e il 9 marzo si rimise in marcia per Schelestadt [in Alsazia, oggi Selestat], Colmar, Belfort e Porrentruy.

Valicato il Mont Terrible con la neve al ginocchio e seminando per strada pezzi e cassoni d'artiglieria, il 16 la Divisione scese nel principato e il 18 entro in citta, di cui Oudinot prese possesso in nome di Berthier, insignito del titolo.

II battaglione del 31e fu destinato di guarnigione a Saint Blaise, sulle rive del lago, dove Fantin turbo invano la rassegnazione di una zitella trentaduenne. In aprile furono acquistati m. La vacanza svizzera duro tuttavia solo un paio di mesi, perche giunse l'ordine di sciogliere la Divisione e rimandare i granatieri ai rispettivi reggimenti.

Quelli del 31e partirono il 25 maggio, destinati in Vandea. Nel bollettino del 15 giugno la polizia segnalo la cattiva condotta delle compagnie scelte del 31e in transito per la Cote d'Or Digione. Dall'Atlantico alia Slesia giugno agosto Dalle coste della Manica alle coste dell 'Atlantico Mentre il battaglione scelto era alia Grande Armee, almeno una parte delle compagnie cacciatori del 31e era stata trasferita dall'Alta alia Bassa Normandia. Dalla corrispondenza di Napoleone si ricava infatti che il 21 febbraio l'imperatore aveva approvato la sostituzione dei drappelli del 31e imbarcati sui brick Oreste e Pilade nel porto di Cherbourg e che il 15 maggio aveva deciso di trasferire il reggimento in Vandea.

Non lasciava troppi rimpianti, se il 10 giugno il generale Antoine Laroche-Dubouscat scriveva da Caen: Su ordine del 20 giugno la dislocazione del 31e fu nuovamente modificata, lasciando a Napoleon capoluogo della Vandea un solo battaglione e mandando il resto alia 12a DM, col comando alia Rochelle e il deposito all'Isola di Aix, una delle peggiori guarnigioni francesi, sede di un deposito di disciplina.

Fantin apparteneva al battaglione [il III] lasciato in Vandea e rimase sei mesi di guarnigione a Mareil [che descrive come un posto orribile di gente primitiva e stregoni, piu il parroco e una virago ex- scioana, sfregiata da una sciabolata e senza tette, che beveva, faceva a botte e violentava gli stallieri]. II 20 settembre un altro battaglione fu destinato a sostituire gli italiani a Nantes, e poi spostato a Brest.

La partenza per la Grande Armee Finalmente il 10 dicembre l'imperatore ordino la partenza per il fronte dei primi due battaglioni di guerra del 31e, con le compagnie su uomini, il cappotto e due paia di scarpe nello zaino, ordinando a Dejean di farli passare per Parigi e di controllarne il vestiario prima di farli proseguire per la Germania. II III battaglione rimase a Napoleonville con funzione di deposito, ma Fantin ebbe il comando dei volteggiatori del I battaglione, che raggiunse il 29 dicembre a Nantes.

Dalla rivista passata il 31 dicembre e il 2 gennaio a St-Pierre-du-Viger, circa 25 km a SO di Dieppe, i due battaglioni risultano al gran completo, con 2. I battaglioni arrivarono a Parigi il 17 gennaio In effetti ne riparti il 25 per Francoforte sul Meno, proseguendo per Friedberg, Giessen e Gudensberg. Dal diario di Fantin risulta che il 19 era a Berlino e il 27 entro nella Polonia prussiana. Arrivato il 2 aprile a Thorn con 1. I due battaglioni del 31e formavano l'intera 3e Brigade Brun della le Division Marchand ed erano dislocati a cavallo dell'Alle, il I sulla destra, sulle alture davanti al sobborgo di Guttstadt, il II sulla sinistra, sotto Guttstadt nel sobborgo di Kossen.

I reggimenti erano alloggiati in baracche da uomini costruite coi materiali recuperati dalla demolizione dei villaggi vicini, imbiancate a calce, circondate da abeti: II campo del 31e era accanto al villaggio in cui era stato accantonato, con la destra appoggiata ad una forra e la sinistra al campanile, ed essendo il piu esposto ad una sorpresa, era protetto da una ridotta coperta di piote.

Fame, epidemie, saccheggi e colpi di mano II 28 marzo, da Osterode, Napoleone aveva rimproverato Dejean perche il 31e, nonostante avesse ordinato di passarlo in rivista, era arrivato "nudo e in condizioni terribili"; "[come] si possono inviare truppe nude all'Armata!

II 25 aprile Ney scriveva a Napoleone che il 3 1 e era "auhourd'hui en tres bon etat", ma chiedeva di avvicinare il deposito dalla Vandea al Reno, altrimenti sarebbe stato impossibile "remplacer successivement les objets qui viendraient a manquer". Fantin non menziona carenze di vestiario, ma di viveri, sostenendo che "le pauvre 31e leger" soffriva la fame piu degli altri reggimenti, i quali, essendo in linea da due mesi, avevano incettato tutti i viveri delle retrovie.

La penuria di cibo era aggravata da una tremenda epidemia che, risparmiando i militari, infieriva sui civili sterminando intere famiglie e villaggi e paralizzando ogni attivita economica. In circostanze normali gli ebrei, "gens avide de lucre, viendraient a notre secours en bien grand nombre".

Ma le imboscate che i militari avevano teso ai loro convogli per saccheggiarli li avevano fatti desistere, e per far mangiare i loro uomini non restava ai colonnelli che spedire in giro distaccamenti per scovare e requisire il cibo nascosto dai civili. Man mano che venivano esaurite le risorse dei posti piu vicini, si doveva allargare il raggio delle maraudes, fino a due settimane e anche piu; e infine si dovette foraggiare nella no man's land tra i due eserciti, affrontando i cosacchi che attaccavano urlando "Voltigeurs voleurs!

La compagnia di Fantin prese parte con altre cinque di volteggiatori a due di queste spedizioni, una il 29 aprile che fini con 5 feriti e un'altra il 10 maggio a Klingerswalde [Podlesna] costata parecchi morti e 20 feriti: Fu il primo ufficiale caduto del 31e e Fantin lo ricorda come allegro, spiritoso e capace: I cosacchi elimarono nottetempo un posto avanzato di 12 cacciatori e 1 sergente del 31e senza che quelli vicini si accorgessero di niente: Parecchi altri furono eliminati attirandoli nella foresta con il tintinnio di un campanaccio da mucca.

Dopo aver spiato per giorni gli uomini di Fantin che scavavano un canale per svuotare uno stagno e recuperare i pesci, una trentina di russi attaccarono l'avamposto facendo accorrere Ney, ma il loro bottino fu solo di due dozzine di carpe, e al prezzo di un paio di feriti. In margine ad un rapporto del 17 maggio a Berthier su una ricognizione nermica proveniente da Stolzhagen respinta al prezzo di "parecchi feriti", Ney scriveva che "dans toutes lers petites affaires qui ont eu lieu la nuit ou le jour, le 31e regiment a toujours montre beaucoup de vigueur et de fermete, et, quoiqu'il y ait dans ce corps beaucoup de jeunes Piemontais, je suis persuade que dans une bataille il rivalisera avec les vieux regiments francais".

Un altro attacco contro un posto del 31e avvenne il 21 maggio da parte di 60 prussiani. II 3 giugno i russi fecero prigionieri 12 uomini del 31e di guardia a un posto trincertato verso Schmolainen: L 'appello degli ufficiali sabaudi ai soldati piemontesi II 31e fu indebolito pure da numerose diserzioni, istigate da uno degli ufficiali sardi passati al servizio russo.

Solo dopo le prime sparizioni gli ufficiali si accorse che tra gli uomini circolava un volantino in italiano, di cui il diario di Fantin conserva la seguente parafrasi in francese: Ne voyez vous pas qu'il vous a tous voues a une mort inevitable, et que vous ne versez votre sang que pour assouvir son ambition et retenir vos concitoyens dans l'esclavage?

Quittez cette armee francaise, ou vous ne pouvez rester sans honte, et ou vous mourez de faim. Venez parmi les Russes qui sont les allies de votre roi et qui combattent pour le retablir sur son trone. La vous serez libres de porter les armes sous des officiers de votre nation, ou d'aller demeurer en Russie, ou Ton vous offre des terres et tout ce qui est necessaire a votre etablissement.

Si cerco invano di impedirne la circolazione: Secondo Fantin in altre circostanze l'appello non avrebbe avuto effetto, perche i soldati "amavano i loro ufficiali": Dopo le prime 50 diserzioni Ney monto su tutte le furie, minacciando di mandare il 3 le nelle retrovie.

Desolati, alcuni ufficiali e sottufficiali pensarono di mettersi in agguato nel bosco per acchiappare i disertori. Finalmente la terza notte ne presero uno, che tento di giustificarsi dicendo di aver disertato perche aveva fame. Si penso di dare un esempio fucilandolo, ma l'indomani altri tre cacciatori disertarono con armi e bagagli. Mejan accorse al cannone, lasciando Fantin a coprirgli le spalle nelle trincee del campo fino a nuovo ordine.

Ma all'arrivo dei bersaglieri russi Fantin decise di sua iniziativa di ripiegare sulle posizioni retrostanti che credeva a torto ancora occupate, prima il blockhaus e poi la cittadina di Guttstadt, che attraverso di corsa, tallonato dagli inseguitori, mettendo poi in fuga un drappello di cosacchi che stava gia occupando la porta d'uscita.

Mejan lo abbraccio dicendogli di avergli invano cercato di richiamarlo mediante un portaordini intercettato dal nemico. Poi il 3 le si ritiro col resto del VI corpo in perfetto ordine, benche alio scoperto sotto il fuoco e le cariche di un nemico preponderante per numero, attestandosi a sera appena due leghe piu indietro, al villaggio di Eingerode, e bivaccando sul chi vive a portata di pistola dal nemico.

Oltre a molti prigionieri, presi soprattutto agli avamposti, il 31e perse i bagagli e la cassa reggimentale [ Le perdite della compagnia Fantin furono di 7 uomini. Le due compagnie di volteggiatori del 31e non presero parte al combattimento perche inviate sulla strada di Osterode [Ostroda] a impadronirsi di un parco d'artiglieria nemico in ritirata, che pero i cosacchi fecero in tempo a far saltare in aria, catturando pure un uomo di Fantin.

Consumato il 7 giugno in un duello d'artiglieria, 1'8 Ney ricevette considerevoli rinforzi e l'abbraccio di Napoleone, arrivato con la sua guardia.

L'imperatore passo in rivista tutti i reggimenti del VI corpo ripetendo che la ritirata da Guttstadt era stata ammirevole e fece poi effettuare una ricognizione oltre la Passarge da un reparto di formazione composto da 80 volteggiatori di ciascun reggimento.

II reparto rientro dopo tre ore con qualche prigioniero, ma inseguito dai russi e il 31e ebbe qualche perdita nei combattimenti impegnati dall'intero corpo d'armata per fermare il nemico sulla riva opposta del fiume.

Fantin, che al mattino aveva perso il nuovo sottotenente, ferito dallo scoppio di un obice, fu mandato da Ney in persona a riprendere un castelletto quadrato al capo del ponte di Deppen, unico edificio rimasto in piedi nel villaggio incenerito. Correndo sotto il tiro micidiale dei bersaglieri russi appostati dietro tronchi e ruderi, i volteggiatori ci arrivarono con appena tre perdite, barricandosi dentro la ridotta, col capitano nel granaio e il tenente al primo piano.

II caldo era opprimente, morivano di sete ed era una tortura non poter attingere acqua al Passarge senza rischiare la pelle. Ma era lo stesso per i dirimpettai e a sera furono i russi a prendere l'iniziativa di una breve fraternizzazione, con gli ufficiali imbarazzati ma riconoscenti che si scambiavano il saluto dalle opposte rive mentre i loro uomini riempivano ghirbe e borracce.

Nel rapporto dell'8 a Berthier Ney scrisse che "cette petite affaire, ou l'ennemi a perdu du monde" era "remarquable par la valeur qu'a montree le 31e leger, et par l'audace du general Maucune". L'indomani i russi si ritirarono inseguiti da mezza Grande Armee, che aggancio la retroguardia nemica a due leghe da Guttstadt.

I volteggiatori furono inviati tutti sul fianco destro per coprire l'avanzata e rastrellare i boschi; carabinieri e cacciatori del 31e avanzarono in testa all'armata, elogiati da Murat che piu volte si mise in mezzo ai loro quadrati. La ritirata russa era protetta dalle batterie che dalla riva destra dell'Alle tiravano al disopra di Guttstadt: I bersaglieri russi dovettero essere neutralizzati uno ad uno e solo una carica dei cacciatori a cavallo italiani disperse a sciabolate la fanteria che si ostinava a resistere ai margini della foresta.

Secondo le relazioni consultate da Victor Derode, dal 5 al 10 giugno il 31e perse 24 morti, feriti e prigionieri, all'incirca un decimo delle perdite dell'intero VI corpo , 1. II memorialista attesta invece 12 perdite subite dalla sua compagnia [7 nell'attacco del 5, il sottotenente e 4 feriti gravi il 10] e aggiunge di ritenere che il 3 le fosse il reggimento che aveva "le plus souffert".

In compenso era l'unico ad aver ritrovato ancora in piedi quasi tutte le sue baracche, perche i russi, dopo averle ripulite accuratamente, non avevano fatto in tempo a darle alle fiamme. II mattino seguente Fantin fece in tempo a visitarlo, perche il VI corpo era in riserva nel bosco di Sorthlach e solo a mezzogiorno entro in linea all'ala destra, di fronte alia citta di Friedland [Prawdinsk], alia quale si appoggiava la sinistra russa.

Tutti i volteggiatori furono portati avanti per rimpiazzare quelli della Divisione Oudinot, impegnata da parecchie ore. Malgrado il frastuono, il fuoco d'artiglieria e di moschetteria era poco micidiale, perche entrambi gli eserciti erano ben riparati da tronchi e dislivelli di terreno. Ma lo stallo cesso alle sei di sera, quando il VI corpo ebbe ordine di prendere Friedland. Le Divisioni Bisson e Marchand, col 31e in testa, avanzarono a passo di carica e con l'arme al braccio, sotto il fuoco dell'artiglieria, e poi di un nugolo di bersaglieri nemici, mentre entrava in linea la guardia imperiale russa.

L'attacco sulle prime perse terreno, ma poi l'intervento delle riserve ristabili la situazione, mentre dragoni e volteggiatori questi ultimi senza piu cartucce sgombrarono il fianco destro dai tiratori, tutti spietatamente infilzati o buttati nell'Alle. I russi cedettero solo dopo strenua resistenza, inseguiti baionetta alle reni e trucidati nei sobborghi e per le strade di Friedland. Vari autori ripetono la cifra tralatizia di perdite per il 31e, che sembra pero includere pure quelle di Guttstadt e Deppen.

Secondo Derode le perdite del 31e a Friedland furono di 30 morti e feriti, inclusi 2 e 9 ufficiali. Fantin parla di 4 ufficiali uccisi, oltre al vecchio capo di stato maggiore della brigata, l'aiutante comandante Rousseau; la sua compagnia, con 5 feriti, era la piu fortunata del reggimento, mentre i carabinieri, che si erano battuti corpo a corpo coi granatieri della guardia imperiale russa, erano "a moitie detruits".

Era la prima volta che vedeva il nemico cosi da vicino; qualunque esercito europeo si sarebbe arreso, con un fiume alle spalle, "mais les gens a demi civilises auxquels nous avons affaire sont raramente d'humeur a implorer la generosite du vainqueur". E siccome non si arrendevano, non c'era altra soluzione che spingerli nel fiume e vederli lottare invano contro la corrente impetuosa e affondare sotto il peso degli zaini e delle armi.

Un ufficiale diciassettenne, che aveva ripescato, gli si era avvinghiato addosso in preda al terrore. II campo di battaglia, intriso di sangue, "faisait horreur". Tutti i cadaveri dei russi avevano un'icona sul petto, che i moribondi invocavano spirando. Molti feriti che avrebbero potuto essere salvati morivano perche non era possibile soccorrerli di notte.

II VI corpo bivacca alle porte di Friedland pure il 15 e parte solo il mattino del 16, dopo aver trascorso un'ora non a seppellire i cadaveri e le carogne in decomposizione, ma a gettarli allegramente nell'Alle, con risate fragorose a vedere le buffe piroette descritte in aria dai manichini insanguinati che erano stati uomini.

Quattro ussari estorsero pure una contribuzione di 2. II 31e fu acquartierato ad Olita [Alytus], a cavallo del Niemen, e Fantin a Rombowice, in un edificio di legno detto "il castello del barone", dove invito tre volte a pranzo gli ufficiali dei cosacchi schierati di fronte a lui [Se Fantin era lautamente rifornito dal barone, i volteggiatori si arrangiarono da se: Ottenuto un congedo, Ney parti tuttavia per Parigi, lasciando il comando interinasle del corpo a Marchand, il piu anziano dei divisionari.

II 31e fu disseminato tra quattro citta e cento villaggi, con lo stato maggiore a Trachenberg [Gmina Zmygrod], splendidamente ospitato dal principe di Hatzfeld, graziato da Napoleone contro il quale aveva complottato a Berlino: In dicembre arrivarono le croci della legion d'onore, di cui fu insignito pure Fantin, e poco dopo il titolo di barone per Mejan.

La compagnia di Fantin era ad Herrnstadt [Wqsoz], a 15 leghe da Breslavia [Wroclaw] e 10 da Glogau, ma la sua istruzione gli frutto la nomina a relatore del consiglio di guerra del corpo d'armata, per cui, pur conservando il comando della compagnia, pote starsene quasi sempre a Glogau. II 24 febbraio il generale Muller passo in rassegna il deposito di Napoleon, dove trovo solo 3 ufficiali il QMT, il capitano d'abbigliamento e un sottotenente piu 3 capitani in attesa di pensione.

Altri sei 1 capitano, 2 tenenti e 3 sottotenenti erano in reclutamento in Piemonte. In tutto erano 82 colonnello, 3 capibattaglione, 3 AM, 1 QMT, 5 chirurghi, 23 capitani, 23 tenenti e 23 sottotenenti. Gli effettivi erano 3.

L'arrivo di coscritti e il recupero di 19 veterani aveva infatti compensato le perdite verificatesi nel periodo morti, disertati, riformati, 62 cassati per lunga degenza in OM e 5 promossi ufficiali. Altri furono pero riformati 75 , pensionati 30 e mandati ai veterani 8 e agli invalidi 2. II 31e aveva 2. Peggiore l'abbigliamento, con 1. L'amministrazione era almeno "tres donne. Da una ricerca sull'eta dei militari del ICO.

La penosa marcia da Navarreinx a Belem 18 ottobre - 19 dicembre Riunito a Bayonne dal 5 al 20 settembre al comando di Junot, il 18 ottobre il corpo d'osservazione entro in Spagna. Fermatosi a Salamanca in attesa del trattato franco-spagnolo sulla spartizione del Portogallo, firmato a Fontainebleau il 27 ottobre, Junot riprese la marcia il 12 novembre, passo la frontiera il 20 e il 30 occupo Lisbona senza incontrare resistenza, ma con l'esercito a pezzi per le privazioni e la fatica.

Ma il 26, durante la marcia da St Jean de Luz a Irun, ad ogni sosta sui gioghi dei Pirenei "tous les visages se tournaient avec attendrissement du cote de la France, les yeux ne pouvant plus s'en detacher et l'oreille d'accord avec le coeur devenait sourd au son de la caisse, dont le roulement triste et prolonge commandait de nouveau l'eloignement". La marcia prosegui per Stigaraga, Tolosa, Villa del Rey, Mont Dragon, Vitoria [dove il reggimento fu passato in rivista e un soldato assai devoto diserto per farsi monaco], Miranda, Pancorbo, Bribiesca.

Viveri e alloggio erano andati via via peggiorando: II 6, a Burgos, furono accasermati e bene accolti dalla popolazione, ma il 7 e 1'8, a Celada e Villadrigo, dovettero far posto al 2e Suisse. II 9 e il 10, col bel tempo, tornarono buonumore e canzoni: L'll proseguirono per Valladolid, il 12 passarono il Duero bivaccando a Tordesillas, il 13 alia Nava del Rey.

II 14, abbordando la Sierra del Moradal, comincio il maltempo e a sera, esausti sulla paglia nella chiesa di Bovilla Fuentes, contarono ammalati: La marcia prosegui ininterrotta per 34 ore sotto la pioggia: Le scarpe si sfaldarono definitivamente il 20 e il 21, durante una marcia di 15 ore per le montagne e il guado di molti torrenti: II 21 furono passati in rivista dall'aiutante comandante Bagneris.

II 26 fu anche peggio: II 27, durante la marcia su Abrantes, api inferocite sfigurarono parecchi soldati che avevano osato cercare miele negli alveari, e una cantiniera che fino ad allora era riuscita miracolosamente a portare avanti il suo calesse, dovette abbandonarlo di fronte ad una rocciosa strettoia.

A sera, pero, trovarono a Panascoso riso, vino e carciofi. II paese, abbandonato dagli abitanti, recava i segni della devastazione e dei saccheggi dei ritardatari, che rifiutavano di proseguire: Passata in rivista il 29 da Travot, la brigata prosegui a piedi nudi, affamata e febbricitante per Torres Novas e Pernes, obbligata dalla pioggia ad abbandonare la strada maestra e a seguire sentieri secondari, sguazzando nel fango e guadando torrenti con l'acqua alia cintola.

Dopo una breve sosta nei conventi di Santarem, la marcia notturna del 3 dicembre e la mancanza di cappotti costarono altri ammalati abbandonati per mancanza di mezzi di trasporto. Dopo aver costeggiato il Tago tra ville e giardini e fatto un'ultima tappa a Vila Nova, alle 16 del 5 dicembre il reggimento entro a Lisbona, accasermato poi al convento di Sao Bento.

II diario di Dulong non fa cenno dell'insurrezione del 15 e 16 dicembre. II 19 la brigata fu trasferita nel sobborgo di Belem, al posto dell'86e de ligne che a sua volta ando a Lisbona. A Belem il reggimento riparo vestiario ed armamento, ma soprattutto i piemontesi si dedicarono al traffico delle razioni viveri, barattate con quelle dei militari portoghesi che ricevevano uva, arance e fichi di Barberia o con prestazioni sessuali.

Avendo punito i soldati e fatto frustare una prostituta, Dulong fu poi oggetto di un attentato notturno, costato la vita ad un sergente che lo accompagnava e che fu scambiato per lui [Thiebault, 82 nt].

Un soldato piemontese, sia pure di altro reggimento, scriveva il 18 febbraio da Mafra: Al 19 marzo italiani del 31e e 32e leger risultavano distaccati a Palmela nell'Alemtejo, inquadrati tra le forze di sicurezza al comando di Kellerman. In sei mesi aveva perduto 42 uomini e 93 serie complete di armi ed equipaggiamenti. II 6 giugno, mentre al gran teatro di Lisbona si festeggiava Junot insignito del titolo di duca d'Abrantes e ad Oporto cominciava l'insurrezione, Dulong affronto col 3e RPL e col Reggimento Murcia i cazadores de Valencia che si erano ammutinati ad Alcacer do Sal e nei giorni successivi provvide al disarmo di tutte le guarnigioni spagnole sulla destra del Tago.

belle mere en chaleur escort girl jura

: Belle mere en chaleur escort girl jura

Video x jeune escort pertuis Milf en chaleur escort girl la rochelle
Belle mere en chaleur escort girl jura 922
Film mature escort girl haute loire 510
Ses pensers, sa tristrsse en ses pleurs se révèle: Les portraits de Dante dans les divers figes de sa vie, les médailles an- ciennes qui le reproduiwntparmi lesquelles celle du cabinet impt'rial de Vienne, mentionni-e par ApriMnln 7 no; celle de Put inatti; celles qui ont t lé public'es par Mazurhelli ; dans 1 une DiuUe s'y trouve accompagné de Pétrarque et de Virgile. Telle l'aiguille au pôle, et m'a tourné vers elle. Indi pariissi povero e velusto: Quel che fe' poi.

0 thoughts on “Belle mere en chaleur escort girl jura

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *